Artivismo studentesco: stop all'odio asiatico

Una storia di coraggio al confine tra paura e passione per accendere i riflettori sulla difesa della giustizia sociale, sui crimini d'odio contro gli asiatici-americani e sulla comunità AAPI (Asian American Pacific Islander) di La Jolla, California.

Katelyn Wang ha trascorso l'ultimo anno usando l'arte per condividere la sua passione per la giustizia sociale con i suoi compagni della Bishop's School di La Jolla. Spera di passare il prossimo anno ad estendere questa passione a tutta la comunità. Katelyn, 17 anni, di origine cino-americana, ha vinto un premio per le arti visive del Senato dello Stato della California per il suo lavoro "United Fight", che secondo lei illustra il suo percorso di artivismo asiatico-americano. L'opera è composta da un dipinto che ritrae una foto di Katelyn e dei suoi amici durante la protesta "Stop Asian Hate" (lett. stop all'odio asiatico) e da diversi articoli di giornale sui crimini d'odio contro gli asiatici-americani.

L'opera colloca un dipinto di una foto di Katelyn e dei suoi amici a una protesta Stop Asian Hate sopra diversi articoli di giornale sui crimini d'odio contro gli asiatici-americani accompagnati da disegni che raffigurano punti di riferimento americani. 

"United Fight", l'artista esprime la sua reazione agli atti di odio contro gli asiatici durante l'emergenza sanitaria © Katelyn Wang
« Alla fine della giornata, tutti vogliamo essere uguali. L'idea di giustizia dovrebbe essere vantaggiosa per tutti noi. È davvero complicato. Amo le arti. Ricevere il premio del Senato è stato gratificante e mi è sembrato un riconoscimento per il mio percorso nell'arte e nell'attivismo. »
Katelyn Wang.
L'artivismo di Katelyn non finisce qui. Infatti, per far conoscere la sua cultura si esibisce in danze folcloristiche cinesi nelle celebrazioni del Capodanno lunare in tutta la contea ed è anche a capo dell'Associazione degli studenti dell'Asia orientale alla Bishop's School. L'emergenza sanitaria - emersa per la prima volta in Cina, nel dicembre 2019 - e le successive segnalazioni di crimini d'odio contro gli asiatici hanno spinto Katelyn a concentrarsi sulla giustizia sociale. I rapporti, insieme alle esperienze personali dei suoi amici e dei suoi genitori che volevano addirittura comprare una pistola per proteggersi, hanno saturato la sua vita, aumentando la sua paura. La mancanza di una risposta organizzata da parte della comunità scolastica l'ha sorpresa. Molti dei suoi coetanei asiatico-americani sono rimasti in silenzio e nelle sue classi, anche in quelle di lingua e cultura cinese, non è stato fatto alcun cenno al problema.

« Mi sono sentita molto turbata. Mi sono resa conto che si stava solo perpetuando lo stereotipo asiatico secondo cui siamo tutti silenziosi. Culturalmente, c'è l'idea che non dovremmo essere coinvolti in cose più politiche o audaci perché la sicurezza è la preoccupazione numero uno. Qualcuno deve dire qualcosa perché non mi sento a mio agio in un ambiente in cui nessuno dice niente ».
Katelyn Wang.
Katelyn ha anche raccontato che la sua insegnante di cinese l'ha rimproverata perché non correggeva gli altri che pronunciavano male il suo cognome. E anche se "Wang" dovrebbe essere pronunciato "Wong" a Katelyn non piace correggere le persone. La reazione della sua insegnante alla storpiatura è stata un'illuminazione per Katelyn: 
« Ho dimenticato chi sono. Ora sto cercando di lottare per gli altri. Come studenti che frequentano la Bishop's School, che apprezzano davvero la diversità, l'equità, l'inclusione e la giustizia, dobbiamo far partire le conversazioni. Ho cercato di prendere posizione per la comunità asiatica americana. »
Katelyn Wang.
L'anno scorso ha scritto un articolo per la pubblicazione studentesca online della sua scuola per avviare questa conversazione. Da lì, Katelyn ha organizzato l'assemblea di sensibilizzazione AAPI, ha tenuto discorsi sull'importanza di opporsi alle ingiustizie e alla fine ha unito le sue capacità artistiche alla sua vocazione sociale. Katelyn si è rivolta all'arte per capire dimensioni di attivismo del movimento Black Lives Matter, al fine di applicare lo stesso approccio multidimensionale al suo lavoro di giustizia sociale per gli asiatici americani, creando una serie di opere multimediali, la terza delle quali è stata la premiata "United Fight". L'estate scorsa, ha ricevuto il permesso dal direttore della Bishop's School Ron Kim per dipingere un ex vestibolo degli armadietti con il suo "Murale della giustizia", un dipinto su quattro pareti che raffigura un'alba accompagnata dalla frase "rise with justice" (lett. alzati con giustizia).

L'artista posa davanti al suo murale "rise with justice" © Katelyn Wang
« Creo arte per ogni cosa. Poiché gran parte di ciò che faccio è parlare e cercare di comunicare, volevo avere un messaggio fisico delle mie visioni sulla giustizia. L'alba incarna i nostri nuovi inizi. Ogni giorno, quando ci svegliamo, quando entriamo nel campus, possiamo scegliere di vivere le nostre azioni con giustizia. Questo murale coinvolge le persone e le porta a riflettere. »
Katelyn Wang.
Quest'estate, Katelyn ha dipinto la porta di un'aula nell'edificio di arti visive della Bishop's School con una citazione della poetessa e attivista Amanda Gorman e spera che possa ispirare altri. Per approfondire la sua arte e la sua difesa, Katelyn sta intraprendendo uno studio indipendente in arti visive attraverso la sua scuola, in cui pianificherà e realizzerà un progetto per dipingere più murales a tema giustizia sociale con l'obiettivo di lluminare la comunità e attirare persone in tutta La Jolla.

« L'arte infrange molte barriere, ci unisce, e penso che anche se si tratta solo della porta di un'aula, si passa accanto ad essa e aggiunge colore allo spazio. Andrò in giro per La Jolla e mi metterò in contatto con le aziende, mostrando loro il mio portfolio e chiedendo di realizzare un murale sui loro muri, per restituire qualcosa a un luogo che mi ha dato voce e trovare case permanenti per le mie visioni di giustizia. »
Katelyn Wang.
L'artista posa accanto alla porta dipinta con le parole di Amanda Gorman © Katelyn Wang

"Perché c'è sempre luce.
Se solo siamo abbastanza coraggiosi da vederla.
Se solo siamo abbastanza coraggiosi da essere noi stessi luce.


Commenti