Rapporto artivismo e clima | Pan Africa

La comprensione culturale della crisi climatica non può essere comunicata solo attraverso la scienza, ma richiede interazioni culturali, facilitate da ciò che rende le culture visibili, udibili e tangibili: l'arte.

L'arte è lo strumento per comunicare ciò che la scienza non è in grado di fare, rivolgendosi sia alla cognizione umana che all'emozione attraverso modi immaginativi nella sua capacità di collegare le esperienze umane localizzate, coltivate e di genere alle realtà naturali e ai concetti astratti. L'arte come espressione politica, l'arte come protesta e l'arte come catalizzatore per il cambiamento sociale sono fenomeni tutt'altro che nuovi e tracce di arte con finalità sociali si trovano in tutta la storia umana contemporanea e antica. Tuttavia, il ruolo dell'arte nel movimento per la giustizia climatica rimane poco esplorato, sebbene l'arte come strumento sia sempre più adottata dalle comunità di attivisti in tutto il mondo.

Dal terzo capitolo del rapporto su artivismo e clima "Art & Climate Justice - Voices for Just Climate Actionesploriamo come nell'arte, attraverso l'arte e con l'arte, i movimenti locali e globali possono sostenere la giustizia climatica.

Iniziative di artivismo nel Sud globale: caso di studio African Crossroads

African Crossroads, creato con l'intenzione di diventare una "comunità faro" all'interno di Hivos grazie ai progetti Open Minds e Green Works, è un programma continentale che mira a contribuire a una nuova narrazione e a un dibattito pubblico che sfoci nel dissenso. 

African Crossroads è stato concepito come un incontro annuale per riunire le persone, discutere e innovare, sfruttando la tecnologia e la rivoluzione digitale. Ma anche per potenziare i partner, per crescere e raggiungere un pubblico più ampio, aggiunge. Nengomasha si è unita ad African Crossroads durante la pandemia, quando l'organizzazione stava discutendo su come costruire una narrazione critica a distanza. African Crossroads riunisce "pensatori innovativi, maker, creatori di contenuti, creativi e imprenditori che vogliono creare e condividere la conoscenza. L'obiettivo è quello di creare consapevolezza, analizzando il concetto di giustizia climatica, identificando gli attori coinvolti e il ruolo che ciascuno può svolgere nella lotta al cambiamento climatico e nella riduzione del suo impatto", spiega Boniface Mwalii, che lo scorso anno ha guidato il coordinamento della comunità e del programma. Mwalii ha un background nei media e nelle arti. La comunità globale non ha una grande comprensione dell'argomento. African Crossroads ha cercato di analizzare il tema con riferimenti pratici, per capire cosa significhi nel contesto africano.

"La difesa dell'arte parla a tutti, rimane più a lungo e coinvolge le persone. Gli artisti svegliano la società. Vogliamo alimentare la conversazione, vogliamo che le persone discutano, parlino di come portare il cambiamento, per attirare la loro attenzione. Se vi dico semplicemente di non buttare via il cibo, perché la gente soffre la fame, non è così forte come quando vedete o ascoltate la storia di qualcuno che ne è veramente colpito. Se vedete un problema drammatizzato e come le persone ne sono colpite, questo vi rimane impresso".
Samantha Nengomasha, Project Manager di Hivos Resource of Open Minds Project, ex Community Manager di African Crossroads
"The Kingdom of Taali M", 2012 © Pierre-Christophe Gam | Making Africa – A Continent of Contemporary Design © Vitra Design Museum

Partecipanti di alto livello

"L'arte è un linguaggio universale che aiuta le persone a comprendere l'argomento, basandosi sulle loro realtà. I vertici sul clima con partecipanti di alto livello non coinvolgono la persona media, ad esempio l'agricoltore che si trova ad affrontare gli effetti del cambiamento climatico. Non comprende la discussione e non sa come adattarsi. L'arte semplifica il messaggio attraverso illustrazioni, musica, teatro, film, poesia, ecc. Porta il messaggio a casa".
Boniface Mwalii, Coordinatore del programma African Crossroads
La rete African Crossroads collega anche artisti, accademici, tecnologi e imprenditori, creando un bacino dinamico per lo scambio di conoscenze e competenze, aggiunge Mwalii. "Questo facilita il trasferimento di idee ed esperienze per generare soluzioni pratiche basate su un'ampia comprensione dell'argomento". Nel valutare la partecipazione degli artisti, l'organizzazione si basa su alcuni criteri: la natura del messaggio, la modalità di diffusione e le risorse disponibili, nonché il corpus di opere e le esperienze precedenti degli artisti. Le comunità emarginate, comprese le donne e i bambini, sono integrate nel processo, dice Mwalii. "Invitiamo, ad esempio, le donne a condividere il modo in cui hanno compreso la giustizia climatica e il suo significato per loro. Queste persone possono essere coinvolte nel processo di creazione delle arti, consentendo loro di contribuire. Non sono al di fuori di questo problema". Alcune produzioni si rivolgono ai bambini, nella speranza di coinvolgerli. "Produttori del Togo e della Tunisia hanno realizzato una produzione video sull'oceano, con un messaggio semplificato, girato sott'acqua. È stato proiettato in una stanza dove i bambini giocavano con i materiali. Il video li ha ispirati a realizzare oggetti di artigianato. Il contenuto diventa così un aiuto all'apprendimento", spiega Mwalii. Un altro video è stato prodotto da un gruppo di persone LGBT. "Non solo li autorizza ad avere una voce. Poiché fanno parte del processo, il messaggio sarà condiviso anche nelle loro comunità".

Le forme d'arte sperimentate dalla comunità di African Crossroads sono molte e si rivolgono a questi diversi gruppi. Producono podcast, documentari, lungometraggi, discussioni su piattaforme, musica, danza contemporanea e installazioni online. Persone diverse ascoltano cose diverse, ma in termini di produzione, alcune sono più costose.

Guarda la serie Poesie che salvano gli oceani di African Crossroads:

 

Guarda la serie Improvvisazini che restituiscono energia di African Crossroads:

 

Guarda la serie Storie che salvano la vita selvaggia di African Crossroads:

 

L'ampia varietà di forme d'arte offre molte opportunità per raggiungere e coinvolgere persone diverse. In alcune culture la musica è proibita, dice Mwalii, "ma la poesia no". African Crossroads ha organizzato la sua comunità in diversi consigli, ad esempio sulla comunicazione, l'inclusività, le opportunità e la tecnologia, riunendo persone con conoscenze pratiche specifiche. Mwalii: "I partecipanti hanno lavorato a stretto contatto con gli spazi di aggregazione nelle rispettive località, il che ha permesso loro di identificare e sviluppare progetti e soluzioni pertinenti alle loro esigenze e alla loro comprensione locale". L'organizzazione ha anche redatto un manifesto, "per raccogliere le opinioni in una politica che può essere adottata dalla comunità e condivisa con altre parti interessate nello spazio della giustizia climatica". Questo è stato costruito sulla base delle dichiarazioni raggiunte nei precedenti incontri di African Crossroads. Il manifesto è stato condiviso con i rappresentanti dell'HIVOS per essere presentato al vertice COP26, dando voce ad artisti, studiosi e imprenditori africani.

Visibile e accessibile

Secondo Nengomasha, l'arte è uno strumento molto accessibile. "Pensate alle piattaforme dei social media. Sui social può raggiungere persone che non la stanno cercando. Si può iniziare in modo molto semplice e finire come il movimento Black Lives Matter. Le arti sono più visibili. D'altra parte, le persone partecipano facilmente perché hanno i mezzi. Si può chiedere alle persone di andare all'aperto, di scattare una foto del loro giardino o qualcosa del genere. È diverso dal portarle a una conferenza. Con l'arte c'è meno censura rispetto ad altri media", osserva. "Come artista, puoi mantenere il tuo diritto di proprietà; nessuno si appropria della tua idea. Si è più indipendenti".

L'arte porta l'immaginazione nella realtà, dice Mwalii. "Cerchiamo di integrare le conoscenze indigene, che sono importanti per la conservazione del cambiamento climatico e della giustizia climatica. Alcune vecchie pratiche, ad esempio il modo in cui le persone conservavano gli alberi, costruivano case ecologiche o eseguivano danze della pioggia come quella eseguita da Dawit Seto durante un evento di African Crossroads, sono state dimenticate, ma possono contribuire a pensare a nuove soluzioni. Allo stesso modo, l'arte fornisce una comprensione sensoriale delle sfide emergenti, come dimostrato dalla sessione "Cookie Calls", che ha analizzato l'impatto dei biscotti digitali attraverso una presentazione culinaria coinvolgente", afferma Mwalii. Poiché non esistono immagini, l'arte può diventare un nuovo strumento per dare vita a queste pratiche. Con cartoni animati o altre forme di animazione. O anche con produzioni video. "In molte parti dell'Africa, la gente usa il telefono per ottenere informazioni. Possiamo realizzare produzioni audiovisive, documentari e animazioni. Possiamo anche realizzare produzioni ibride, mescolando animazione e interviste video. Questi strumenti aiutano a parlare di argomenti. È stimolante, coinvolgente, molto veloce e quindi potente".

In Tanzania, gli artisti hanno raccolto metalli di scarto e li hanno saldati in nuove sculture. Altri hanno raccolto infradito dalla spiaggia e ne hanno fatto qualcosa. "Tutte belle opere d'arte", dice Mwalii. "Riutilizzare i rifiuti per creare qualcosa di utile può avere un messaggio profondo. Il pezzo fa una dichiarazione. Questi materiali si prestano naturalmente come risorse di advocacy per l'obiettivo vitale di creare consapevolezza e ispirare l'azione tra le comunità, i mass media e i decisori per contenere e invertire gli effetti del cambiamento climatico.

ritratto di Wangari Maathai con infradito raccolte nell'oceano e fornite da Ocean Sole, Karen Village di Nairobi, Kenya © Mfalme Productions

Troppi contenuti

Non c'è modo migliore di comunicare la giustizia climatica che attraverso l'arte. Ma ci sono anche delle sfide. A volte abbiamo a che fare con troppi contenuti, quindi abbiamo speso molte ore e risorse per guardare i materiali. Rischiamo quindi di perdere informazioni critiche. Ma abbiamo molte risorse umane per affrontare questo lavoro. Un'altra sfida è come mettere insieme tutte le produzioni e diffonderle su altre piattaforme".
Samantha Nengomasha, Coordinatrice di African Crossroads
Anche l'uso della tecnologia come mezzo principale di coinvolgimento della comunità di African Crossroads nel contesto dell'emergenza sanitaria ha presentato delle sfide. "Se da un lato rappresenta un'utile via per il coinvolgimento della comunità e una risorsa vitale per i creatori di contenuti, dall'altro richiede che i partecipanti abbiano un certo grado di conoscenza tecnica e accesso a risorse tecniche come smartphone, computer e connettività a Internet, il che inevitabilmente favorisce alcuni rispetto ad altri", dice Mwalii. Lo sviluppo di canali alternativi, come il programma radiofonico African Crossroads proposto e l'integrazione di attività fisiche attraverso la rete di hub intercontinentali potrebbero potenzialmente colmare tali lacune. Mwalii ha osservato che alcune forme d'arte richiedono molto tempo e sforzi. "Per esempio, il teatro è generalmente accettato sia nelle comunità rurali che in quelle urbane. Le persone amano la narrazione. Creano e guardano contenuti sui loro smartphone, quindi l'arte ha un grande potenziale in queste società. Ma le buone produzioni richiedono molto tempo, sforzi, logistica e pianificazione. È tutto molto impegnativo".

quanta plastica è troppa nei vostri pesci? © ThisIsAfrica

Commenti